XIV Giochi Paralimpici - Londra 2012 - Ciclismo - Medaglia d'oro Ivano e Luca PIZZI - Strada Tandem (grazie alla cortesia del C.I.P. ©)
XIV Giochi Paralimpici - Londra 2012 - Ciclismo - Medaglia d'oro Ivano e Luca PIZZI - Strada Tandem (grazie alla cortesia del C.I.P. ©)
 
 
freccia
  • Home page   ›
  • ARCHIVIO  ›
  • Notizie  ›
  • Sport for social inclusion and development: alliances for private-public action plans
Stampa Stampa
Condividi Email
Segnala il contenuto
E-mail del destinatario

 
E-mail di chi invia la segnalazione

 

Inserire il codice di verifica visualizzato: CA1EF7

Codice di verifica 

Spunta

Sport for social inclusion and development: alliances for private-public action plans

Milano, mercoledì 24 gennaio 2018

Il 24, 25, 26 gennaio 2018 si è svolto a Milano il meeting internazionale “Sport for social inclusion and development: alliances for private-public action plans”, organizzato dall’ASAG (Alta Scuola di Psicologia Agostino Gemelli dell’Università Cattolica di Milano) con il supporto dell’Unesco e il patrocinio dell’Ufficio per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

L’obiettivo è stato quello di rintracciare indicatori comuni per valutare i programmi che utilizzano lo sport come veicolo di inclusione sociale. Oltre a questo, le giornate hanno messo in luce le sfide del partenariato pubblico-privato nel settore dello “sport che include”, e generato un network, una piattaforma, per creare sinergia tra i vari attori che lavorano in quest’ambito. All'evento hanno partecipato esponenti di Università, Ambasciate, Governi, ONG e organizzazioni sportive da molti paesi.

L’incontro chiave che ha preceduto questo evento si è svolto a Kazan a luglio 2017: la “sesta conferenza internazionale Unesco dei ministri e alti funzionari responsabili per l'educazione fisica e lo sport, Mineps VI”, ha segnato un avanzamento dalle dichiarazioni di intento politico verso azioni misurabili.

A livello internazionale, il meeting del 24, 25 e 26 gennaio 2018, follow-up della conferenza Mineps VI a Kazan, è stato focalizzato sullo scambio di know-how operativo e sulla condivisione di informazioni per i piani d'azione, con particolare riferimento al tema "Massimizzazione del contributo dello sport allo sviluppo sostenibile e alla pace".

A livello nazionale italiano, ha rappresentato un momento decisivo per favorire e rafforzare i meccanismi emergenti di cooperazione pubblico-privata in questo campo.